L´Ospedaletti si aggiudica il derby con il Taggia


Che Partita! Ospedaletti Taggia, il derby di ritorno disputato sul nuovo sintetico dello stadio Ciccio Ozenda è stata una vera e propria battaglia senza esclusione di colpi.

L’Ospedaletti domina il primo tempo con le due reti di Miceli (una su rigore) che siglano un vantaggio che poteva essere anche più generoso.

I giallorossi, invece, fanno propria la seconda metà di gara, giocata in vantaggio numerico fino al primo minuto di recupero per l’espulsione del numero 10 Orange appena dopo il rientro in campo dagli spogliatoi.

I padroni di casa devono soffrire non poco per arginare il pressing avversario, che riesce nell’obiettivo di segnare il gol della bandiera con un gran destro di Rovoncoli sul quale Frenna non può nulla.

Superato lo scoglio del Taggia, l’Ospedaletti ha dimostrato, ancora una volta, di essere la squadra da battere.

--

LE FORMAZIONI

L'undici Orange titolare schierato da Alan Carlet: Frenna Matteo in porta, Negro Alessio, Fici Roberto, Schillaci Mattia (2000), Ambesi Elia, Negro Andrea, Sturaro Fabio,Alasia Gian Marco(‘98), Scappatura Alessandro (’99), Miceli Armando, Ventre Michael.

Partono dalla panchina: Eramita Gianmarco (2001), Moraglia Andrea, Artioli Giovanni (2000), Cadenazzi Fabrizio, Gambacorta Luca (’99), Saba Matteo, Trotti Cristian, Cassini Valentino (2002).

Sostituzioni: 4

Ammoniti:4

Espulsi: Miceli al 10° st

Marcatori: Miceli al 10° e al 30° pt

La formazione schierata da mister Cristian Maiano: Pronesti Francesco (’98), Rovoncoli Mirko, Di Fabrizio Erik (2000), Tarantola Paolo, Minghinelli Matteo, Fiuzzi Luca, Botti Luca, Rosso Francesco, Rovella Davide, Coluccio Vincenzo, Salmaso Andrea (2001).

Di riserva: Prato Gabriele (’99), Balbo Stefano (2000), Mangione Stefano, Fiorillo Daniele (2000), Pinasco Enrico, Siki Nico, GuiratMaez (’98), Ferrigno Alessandro (2000), Cuneo Alessio.

Sostituzioni: 4

Ammoniti: 4

Espulsi: Fiuzzi 46°, st

Marcatori: Ravoncoli, 5° st

Direttore di gara: Luca Pileggi

Assistenti: Matteo Manni, Marco Nardella

Commenti